10 frasi che un genitore non dovrebbe mai dire

25 marzo 2014

Le madri che conosco

25 marzo 2014

Decluttering? Preferisco dire sobrietà

25 marzo 2014
bimba arrabbiata
© Unamammagreen
Artù fa decluttering a spese mio draghetto vintage

Adesso va di moda chiamarlo decluttering. Si tratta, in sostanza, del “fare pulizia”: liberare armadi, librerie, case e scantinati (ma più in generale la propria vita!) dagli oggetti in eccesso. Da quella miriade di “cose”, di cianfrusaglie (in inglese clutter, appunto), di cui non abbiamo realmente bisogno, ma che ci sottraggono spazio e richiedono tempo ed energia per essere periodicamente pulite, sistemate, spostate e ricollocate. Cappotti che non indossiamo da 5 anni, libri che non leggeremo mai, soprammobili buoni solo per accumulare polvere e chi più ne ha più ne metta.

Io preferisco parlare più semplicemente di sobrietà e di etica del consumo. Prevenire il decluttering, per così dire. Fare in modo che il ciarpame non possa neanche provarci, a prendere il sopravvento sulla mia vita. Possedere troppe cose, comprare e consumare troppe cose, dal mio personale punto di vista, non solo non è necessario, ma non è neanche molto ecologico. Soprattutto, non capisco perché i bambini occidentali debbano essere proprietari di così tanti oggetti: guardaroba da fare invidia a una diva di Hollywood, scarpe da abbinare alle varie mise (scordatevi che io dica outfit, sia chiaro), giocattoli che neanche usano, accessori e ammennicoli dal costo improbabile.

Una babele dell’eccesso, uno schiaffo alla miseria che secondo me manca di rispetto ai miliardi di umani che di scarpe non ne hanno neanche un paio. I bambini, in fondo, nascono con pochissimi bisogni materiali: abiti comodi e puliti, calzature che rispettino la loro fisiologia, qualche gioco semplice che li aiuti a crescere. Mi sembra, senza con questo voler giudicare nessun genitore (ognuno fa per i suoi figli quello che ritiene essere il meglio, ci mancherebbe) che rischiamo di creare nei nostri figli bisogni artificiali, insostenibili e fuori controllo. Che facciamo di tutto per convincerli che occorre riempirsi la vita (e le case!) di cose per essere felici.

Le “cose” sono importanti, per come la vedo io, soltanto se diventano strumenti per costruire esperienze da ricordare per tutta la vita. Se sono troppe, ridondanti, replicate, fini a se stesse, confondono e isolano. Io ricordo ancora il nome dei miei pupazzi preferiti. Conservo il drago di gomma con cui giocavo da piccola, in qualche caso sono ancora in grado di dire, a distanza di trent’anni o quasi, chi mi abbia regalato cosa e per quale occasione. Non cambierei mai la mia infanzia morigerata con l’opulenza triste di tanti bambini di oggi.

8 comments

  1. concordo in pieno su tutta la linea…anche se nella pratica mi porto dietro un sacco di cianfrusaglie con valore più o meno affettivo…ma se una settimana i santi nonni si prenderanno la nipote per una bella vacanza allora mi mettrò a eliminare ( e riciclare cose che possono servire ad altri) tutto quello che ho di superfluo…prima magari che Marghrita si tiri sulla testa pile di rolling stone che non credo di aver mai letto per intero…:)

  2. verissimo tutto quanto! io sto cercando di prevenire il più possibile, dando spazio se posso a giochi in cui la cosa più importante sia la manualità e con meno plastica possibile. Il prossimo natale contingeteremo i regali, e non sto scherzando!

  3. io sposo questa filosofia a piene mani… però sono un’inguaribile accumulatrice di “clutter”. Ogni tanto penso che sia proprio colpa del fatto che son cresciuta in un austero regime di sobrietà (per dirne una, in casa mia non si è avuta la TV fino a poco tempo fa, e ora i miei genitori ne hanno una che è più che altro un pezzo di modernariato), un regime a cui sono molto grata per molteplici motivi, ora e solo ora ne vedo i vantaggi, ma ricordo che da bambina e da ragazza ne soffrivo… e mi rendo conto che con Sofia vige un po’ la legge del contrappasso, certe volte, e solo per certe cose (non per i giochi per esempio, non le compro quasi nulla io, ma essendo la prima nipote in una numerosa famiglia arrivano sempre troppe cose…) mi viene proprio voglia di “lasciarmi andare”… quindi in sintesi, sono scissa….

  4. outfit giammai! però mise va bene. non sarebbe meglio l’italiano tenuta o abito!
    decluttering o pulizie pasquali? meglio pulizie!

    1. Hai ragione. Infatti invece di decluttering dico sobrietà e consumo responsabile. Però mise mi piace, sa di vecchio, lo usiamo da decenni. Perdonami 🙂

Lascia un commento!