Il Natale, negli anni ’80

14 dicembre 2016

Il mare piace a tutti

14 dicembre 2016

Visitare i mercatini di Natale di Basilea con i bambini

14 dicembre 2016
il natale negli anni 80
mare-hotel-nettuno
mercati natale basilea

Se c’è una cosa che mi mette tristezza, del periodo natalizio, sono i mercatini di Natale “fuori contesto”, in zone, come quella in cui vivo io, in cui la tradizione non li ha mai previsti, ma dove sono stati introdotti di recente per  ragioni commerciali e “di moda” (soppiantando spesso il costume locale, ma questo è un altro post). Mi piacciono molto, invece, gli allestimenti natalizi e i mercati tipici delle località del nord, dove mi sembra di respirare una atmosfera magica e incantata, perfetta per dimenticarsi di un paio di giorni dei problemi e delle fatiche della vita quotidiana. Quest’anno, allora, complice il ponte dell’Immacolata e una buona offerta di una nota compagnia low cost, ho organizzato un weekend a spasso per i mercatini di Natale di Basilea, che si sono rivelati una meta ideale per un breve viaggio con due bambini piccoli come Davide e Flavia. Se anche voi state pensando di visitare i mercatini di Natale di Basilea con i vostri bambini, eccovi dunque una piccola guida pratica.

basilea-natale-bambini

I mercatini di Natale di Basilea

Basilea ospita due Christmas Market, i più grandi di tutta la Svizzera, allestiti rispettivamente nella piazza della Cattedrale (Münsterplatz) e in un’altra piazzetta poco distante, la Barfüsserplatz. Quest’anno sono stati inaugurati a fine novembre e chiuderanno subito prima di Natale (verificate sempre calendario e orari sul sito Basel.com). Non sono molto grandi, ma in certi momenti della giornata possono essere parecchio affollati, cosa di cui va tenuto conto nella pianificazione della visita. Oltre alle classiche bancarelle con addobbi natalizi, dolci, spezie, gioielli artigianali, giocattoli in legno e cappello colorati, i mercatini di Natale di Basilea ospitano numerosi e profumati stand gastronomici, che offrono i tipici prodotti della tradizione culinaria elvetica, natalizia o meno: dalla raclette ai rosti di patate e cipolle, dagli hot dog al vino caldo speziato, passando per i läckerli, tipici biscotti di Basilea simili al panpepato. Il mercatino sulla Barfüsserplatz è sicuramente quello un po’ più ostico da affrontare, per la presenza di gradini e dislivelli e per lo spazio davvero risicatissimo tra uno stand e l’altro. Ci si muove invece molto più agevolmente, anche con un passeggino, tra gli stand sulla Münsterplaz, dove ci sono anche più alternative in termini di street food.

mercatini-natale-basilea-bambini

basilea-bolle-di-sapone

I laboratori a tema natalizio

Se viaggiate con dei bambini, la cosa più divertente dei Mercatini di Natale di Basilea sono i laboratori a tema a cui si può partecipare nella cosiddetta Foresta incantata sulla Münsterplatz. Si tratta, in pratica, di una serie di piccole casette di legno in cui è possibile prendere parte a molte attività pratiche, tra cui: forgiare monete, realizzare candele e decorazioni natalizie, arrostire il pane arrotolato sugli spiedi, lavorare lo stagno eccetera eccetera. I vari laboratori sono indicati per bambini di età diverse, ma anche i più piccoli potranno divertirsi sul trenino di Natale che attraversa la “Foresta incantata”. Per partecipare alle attività non occorre una prenotazione, ma si paga un ticket che varia dall’equivalente di 1 a 15 franchi a seconda del laboratorio. La cosa buffa è che all’interno della Foresta circola una valuta speciale, il tallero incantato, che può essere cambiato alla cassa (un tallero equivale a un franco svizzero). Nelle ore di punta del fine settimana mettete in conto un po’ di attesa prima di iniziare le attività.

mercatini-natale-basilea_laboratori

mercatini-natale-basilea_talleri

Cosa vedere a Basilea con i bambini

Il centro storico di Basilea non è molto grande e si gira agevolmente, anche perché è quasi del tutto pedonale. Oltre alla bella Cattedrale, alle spalle della Münsterplatz si apre una terrazza che offre un bel panorama sul Reno, con vista sulle tipiche imbarcazioni che fanno la spola tra una sponda e l’altra del fiume sfruttando soltanto la corrente, legate a una corda tesa da un argine all’altro (in estate gli abitanti del posto fanno il bagno nel Reno legati alle barche). Merita senz’altro una visita anche la Piazza del Mercato, soprattutto per lo splendido Rathaus, lo storico il palazzo del Comune, che a me ha ricordato lo stile architettonico bavarese. Tutto il centro storico, in generale, è punteggiato di edifici storici e piccole piazze con fontane e chiese, e il corso del fiume offre scorci pittoreschi e passeggiate piacevoli. In città ci sono anche diverse aree verdi, oltre a un celebre zoo (che noi non abbiamo avuto occasione di visitare).

basilea-rathaus

basilea-reno-tramonto

Curiosità e informazioni

Il costo della vita a Basilea, in perfetto stile elvetico, è molto alto. Noi abbiamo limitato i danni prenotando con diversi mesi di anticipo un albergo appena fuori dal centro, badando bene che avesse l’angolo cottura in camera. I costi dei vari ristoranti e caffè, infatti, sono proibitivi, mentre è senz’altro più fattibile mangiare alle bancarelle dei mercatini. Una cosa molto interessante è che per chi alloggia negli hotel cittadini i mezzi pubblici sono gratuiti. Si tratta di un vantaggio importante, anche perché il sistema di trasporto è estremamente affidabile ed efficiente, con mezzi puntuali, frequenti e pulitissimi. Anche l’aeroporto si raggiunge facilmente con gli autobus urbani gratuiti.

Con un occhio al portafogli, insomma, i mercatini di Natale di Basilea non vi deluderanno. E saranno un’esperienza indimenticabile per grandi e bambini.

Infowww.basel.com/it/

 

mercatini-natale-basilea

cattedrale-di-basilea

 

 

 

4 comments

  1. Grazie per aver condiviso questa tue esperienza. Abito in Svizzera ma ammetto con vergogna che a Basilea non sono mai stata… E come tante altre città Svizzere è davvero bella ancora grazie 🙂

  2. Ma Flavia è tutta da mordicchiare con quelle due guanciotte. Grazie per il post, terrò in considerazione la Svizzera, che, da Torino non è lontana.

Lascia un commento!