Le sette tipologie di capriccio con cui si cimenta un genitore

24 maggio 2017

Dispensatori seriali di bellezza

24 maggio 2017

Vi auguro di fallire

24 maggio 2017
capricci
arte per bambini
fallire

Vi auguro di fallire, ogni tanto. Di cadere, di sbagliare. Di perdere. Di arrivare secondi, o terzi, o, perché no, magari pure ultimi. E poco importa che sia per ingiustizia, per caso o a causa dei vostri limiti oggettivi, di capacità o di impegno. Spero solo, figli miei adorati, che non siate sempre forti, bravi e vincenti, ma che vi confrontiate, qualche volta, anche con la vostra fallibilità. Con la mediocrità, con la sfortuna.

Non perché voglio che soffriate, e ci mancherebbe. Sentirò dentro le ossa il male di ogni vostra caduta. Porterò sulla mia pelle i vostri stessi lividi, il mio sangue scorrerà insieme al vostro, tutte le volte in cui la vita vi graffierà la pelle. Se potessi, passerei il resto dei miei giorni a salvarvi dal dolore e dal pianto.

Ma farsi male non è solo inevitabile, bambini miei. Farsi male è necessario. Vi salverà la vita, in un certo senso, e vi potrebbe salvare da voi stessi. Dalla trappola delle aspettative esagerate, dalla pretesa di non fallire mai. Dall’equivoco che dare il meglio di sé significhi per forza essere i migliori in assoluto.

Vi auguro di fallire, ogni tanto, perché possiate imparare a perdonarli, i vostri fallimenti. A riconoscere i limiti che avete – di talento, di volontà, di energia, di fiducia – per cercare di superarli ma anche, se si rivelassero insormontabili, di accettarli. Di amarli. Perché anche i vostri limiti vi rendono quelli che siete. Unici, amabili, straordinari come ogni essere umano sulla Terra.

Vi auguro di fallire, ogni tanto, perché possiate capire che nessuna sconfitta e nessun errore sono insuperabili. Che il vostro valore non si misura dal vostro successo, o dalla portata dei risultati che riuscirete ad ottenere. Vi auguro di restare delusi, dagli altri e dai voi stessi, perché possiate scoprire che alla delusione si sopravvive, sempre e comunque. Più forti, più coraggiosi, più consapevoli.

Vi auguro di cadere, qualche volta, perché è il solo modo per imparare a camminare anche con le ginocchia sbucciate. E quando accadrà, le mie mani si tenderanno sempre verso di voi. Ma saranno le vostre gambe a rialzarsi, e a rimettersi in cammino.

2 comments

  1. Mi hai emozionata, è esattamente quello che ho cercato di trasmettere a mio figlio senza aver mai trovato le parole giuste. Ma oggi è un uomo felice, dalle spalle larghe, che ha saputo trasformare i dolori in energia, le delusioni in grinta…

Lascia un commento!