lavoro

Voglio essere una madre che lavora

20 febbraio 2017
madre che lavora

Non sono mai stata un tipo molto ambizioso. Mi è sempre piaciuto studiare, imparare cose nuove, risolvere problemi. Ma non ho mai pensato che la mia realizzazione potesse dipendere soltanto da un lavoro. Non ambisco alla fama, e rinuncerei al mio tempo libero – per leggere, per viaggiare, per guardare film e serie tv – solo per una situazione reale necessità. Il lavoro, per me, è …

Continua a leggere

Siate sempre chi volete essere, dipende solo da voi

18 novembre 2016
barbie-avventure-stellari

Quando ero piccola volevo fare l’archeologa. Ma non un’archeologa qualsiasi, ovviamente. Indiana Jones era il mio solo riferimento: uno che vive la sua vita come se fosse una straordinaria e ininterrotta avventura, traboccante di viaggi, imprevisti e grandi imprese. Mettevo in scena i miei sogni con le Barbie, inventando per loro misteri da risolvere e trappole mortali da evitare. Fantasticavo di luoghi esotici e personaggi …

Continua a leggere

Qualità e quantità

11 agosto 2016
qualità e quantità

Le mamme che lavorano se lo ripetono di continuo, per difendere le proprie scelte sacrosante da accuse antiquate e maschiliste, o anche per zittire il senso di colpa più o meno sottile che quelle accuse finiscono spesso col generare dentro di loro. Quello che conta non è la quantità del tempo trascorso con i propri figli, ma la sua qualità. Vero, ci mancherebbe. E tra l’altro …

Continua a leggere

Post sponsorizzati: perché li scrivo e come li scrivo

15 luglio 2016
madre che lavora

Non so se sia perché chi scrive è visto dai suoi lettori con un’aura romantica e idealizzata. O se è perché siamo talmente abituati a diffidare della pubblicità da sentirci in qualche modo ingannati quando ce ne propongono una. Ma ogni volta che pubblico un post sponsorizzato, il commento arriva puntuale. Bel post, peccato che sia una pubblicità. Ed è per questo che sto scrivendo questo …

Continua a leggere

Dialogo tra due madri

1 febbraio 2016
due madri

(Continua dal blog di Lucrezia) “Dopo mangiato lei si addormenta, e io mi fiondo al computer. Lavoro veloce, di solito male, di certo mai bene quanto vorrei. La testa corre tra cento progetti, le dita si interrompono di continuo per cambiare schermata, applicazione, programma. Il cuore batte, lo stomaco ogni tanto protesta. Il tempo non basta mai, la concentrazione nemmeno. La colpa torna a bussare. …

Continua a leggere

Di decrescita, (troppo) lavoro e tempo rubato

17 luglio 2014
tempo

Dev’essere la mia formazione politica giovanile. Quella residua avversione al fordismo che sopravvive anni dopo le letture adolescenziali, il cinema di lotta e le bandiere cubane. Forse è solo la mia ambizione davvero limitata, o più semplicemente la convinzione intima che il lavoro sia uno strumento per vivere e non il fine cui consacrare la propria esistenza. Quale che sia la ragione, comunque, più passano …

Continua a leggere

Punti di vista

8 maggio 2014
punti di vista

Esse ha compiuto 33 anni da qualche giorno. Ha un marito con cui ha passato più di un terzo della sua vita, l’uomo giusto per lei. L’anno scorso hanno avuto un figlio. Un bambino sano, forte e sveglio che li adora e che loro adorano. Ha studiato tanto, Esse. Si è laureata presto e bene, per poi specializzarsi in un settore che le piaceva. Nonostante …

Continua a leggere

Le madri che conosco

26 marzo 2014
© Unamammagreen

Le madri che conosco, quelle della mia età, sono quasi tutte laureate. Sono madri che non hanno passato l’infanzia a immaginare l’abito per il loro matrimonio o il nome dei figli che avrebbero avuto. Non soltanto, per lo meno. Le madri che conosco sono donne che hanno studiato e viaggiato. Donne che leggono, che si informano, che fanno acquisti online e pagano i conti al …

Continua a leggere