amicizia

Le mie amiche

2 ottobre 2017
ogni anno che passa

Le prime amiche che ho trovato ad aspettare il mio arrivo nel mondo portavano cognomi diversi dal mio, ma il mio stesso sangue nelle vene. Siamo capitate le une nella vita delle altre, ma abbiamo continuato a sceglierci nei decenni successivi. La cosa, nel bene e nel male, più simile a delle sorelle che potesse trovare chi, come noi, ha avuto la sventura di nascere …

Continua a leggere

L’amicizia ai tempi della maternità

26 giugno 2017
amicizia

Diventi mamma, all’improvviso – anche se hai passato nove mesi ad aspettarlo, tuo figlio, è pur sempre un cataclisma – e quello che era sempre stato normale, ordinario, più o meno facile, diventa nuovo e complicato. Metti l’amicizia, per esempio. Ci sei tu. Che non sai bene chi sei, cosa vuoi, cosa sai. Anche se nei momenti migliori ti sembra di riconoscerti, da qualche parte …

Continua a leggere

Buon compleanno, Instamamme!

14 gennaio 2015
wpid-img_19879818835968.jpeg

Le fotografie hanno sempre fatto parte della mia vita. Da quando, piccolissima, mio padre mi immortalava di soppiatto e stampava i suoi scatti nel bagno di casa. Col web, invece, non è che sia stato proprio amore a prima vista, ma negli anni, inaspettatamente, è diventato un elemento fondamentale della mia esistenza: strumento di lavoro, bazar virtuale, agenzia di viaggi low cost e piazza per …

Continua a leggere

Fenomenologia delle amiche senza figli

30 maggio 2014
nonostante me

Io ce le ho più o meno tutte, e chissà a quante categorie sono appartenuta io stessa prima di avere figli. E voi? Che tipo di amiche senza figli sono quelle che vi hanno accompagnato finora? L’empatica Non ha figli, e magari non ne vuole, ma trova accettabile che qualcuno possa pensarla diversamente. Non esprime giudizi, non elargisce consigli non richiesti, non emette sentenze. Nonostante …

Continua a leggere

Nella rete

12 marzo 2014

A me le blogger facevano un po’ compassione. Da giornalista patentata, snob e con ambizioni letterarie, ho sempre pensato ai “diari online”, e a chi li aggiornava con sussiego, come qualcosa di estremamente improvvisato, ripetitivo, banale. Niente sostanza e pure poca forma. Cosa pensano di aver mai dai dire queste qua? – mi chiedevo con un sopracciglio alzato, ripetendo a me stessa che “non basta …

Continua a leggere