Breve storia dei miei capelli

31 marzo 2017
amica-senza-figli

Sono nata con una chioma folta e nerissima, l’incarnato itterico e gli occhi a mandorla. Tanto che mia madre, che a causa del cesareo mi ha visto solo dopo molte ore, si straniva sentendosi dire dalle ostetriche “Sua figlia sembra una cinesina”. Negli anni, i miei capelli sono rimasti folti e scuri, ma non più così scuri. Hanno acquisito quel castano anonimo che quando sei …

Continua a leggere

7 cose per cui le mamme italiane si preoccupano senza motivo

29 marzo 2017
mamme italiane si preoccupano

Le mamme italiane hanno fama di essere un pochino – ehm – apprensive. Al di là degli stereotipi, diciamo che molte di noi hanno forse la tendenza a preoccuparsi un po’ troppo. Io, per esempio, a volte ho l’impressione di sentire in qualche parte della mia testa le voci delle mie ave che mi fanno raccomandazioni a raffica (Hai messo la canottiera ai bambini? Avranno mangiato abbastanza? Non farà …

Continua a leggere

Il senso di Flavia per il sarcasmo

27 marzo 2017
sarcasmo flavia

Mia figlia ha due anni e mezzo, mese più, mese meno. E capisce il sarcasmo. O meglio, comprende quando il sarcasmo è indirizzato a lei, lo comprende alla perfezione e reagisce come se fosse vittima di un oltraggio imperdonabile. Il punto è che mia figlia si ritrova, suo malgrado, con una madre parecchio sarcastica. Il che rende le nostre giornate abbastanza dense dal punto di vista della …

Continua a leggere

8 tipi di persone che io non capirò mai

24 marzo 2017
tramonto

Sarà che sono matta come un cavallo, ma di solito non sono una che si sconvolge facilmente. Eppure ci sono delle cose che, per quanto mi sforzi, non riesco davvero a spiegarmi. Ci provo tutte le volte, lo giuro. Ma niente. Non ci arrivo. Eccovi dunque, a titolo di esempio, gli 8 tipi di persone che io non capirò mai. Quelli che arrivano in palestra e …

Continua a leggere

L’amore che arriva, se lo sai aspettare

22 marzo 2017
1448871016996

Quando è nata mia figlia, suo fratello non aveva ancora due anni (li avrebbe compiuti esattamente tre mesi dopo). Non dimenticherò mai il primo sguardo che le ha scoccato mentre suo padre la portava in casa per la prima volta. Uno sguardo disturbato, oserei dire disgustato, come di fronte a uno spettacolo davvero nauseante. Per settimane, dopo quel primo incontro, Davide si è comportato semplicemente …

Continua a leggere

Ti tengo per mano

20 marzo 2017
mani

Ti tengo per mano la sera, al buio. Mentre passi dalla veglia al sonno, sfidando l’oblio e la tua avidità di giochi, di vita, di azione. Ti tengo per mano e ti sento entrare a poco a poco nelle beatitudine della tua innocenza. Nel sonno angelico dei piccoli, con le tue dita piccine mollemente al riparo tra le mie. Ti tengo per mano quando sei …

Continua a leggere

Sto crescendo dei diversi?

17 marzo 2017
crescere dei diversi

“Mamma, come mai noi torniamo sempre a casa a piedi, mentre (quasi tutti) i miei amici vanno sempre via in macchina?”. Me lo ha chiesto Davide, ieri, con tranquillità, mentre rientravamo dall’asilo insieme a sua sorella. Io gli ho risposto senza fare paragoni, elencando semplicemente tutti i motivi per cui è bello tornare a piedi: ci godiamo il sole, facciamo “ginnastica”, risparmiamo benzina, guardiamo gli …

Continua a leggere

Essere madre è (anche) bello. Nonostante sul web sembri un ergastolo

16 marzo 2017
essere madre è bello

Avere Davide nella pancia non è stato per niente facile. O meglio, fisicamente è stato un gioco da ragazzi: quasi zero nausea, pochi chili accumulati, nessuna complicazione dall’inizio alla fine. Ma sul piano emotivo e psicologico ricordo un vero calvario, per tante ragioni che adesso non è il caso di elencare. Una cosa però la voglio dire, e senza mezzi termini. La retorica che circondava …

Continua a leggere