Leggerezza

29 settembre 2014

L’empatia delle madri. Che non esiste

29 settembre 2014

Gambe gonfie in gravidanza: rimedi naturali

29 settembre 2014
empty image
empty image

gambe2La maggioranza delle donne in gravidanza, prima o poi, prova l’ebbrezza di sentirsi come un elefante in sovrappeso: caviglie gonfie, gambe pesanti e quella stanchezza che ti ricorda quanto sia impegnativo costruire un essere umano. Ritenzione idrica e difficoltà di circolazione sono infatti un classico, durante l’attesa – specie nell’ultimo trimestre. Se i sintomi si mantengono entro limiti fisiologici (un edema eccessivo, soprattutto a livello di piedi, caviglie e mani, può rappresentare un sintomo di preeclampsia, per escludere la quale è fondamentale controllare regolarmente la pressione arteriosa e i livelli di proteinuria), qualche semplice accorgimento e il ricorso ad alcuni rimedi naturali può aiutare ad alleviarli.

Intanto, per prevenire le gambe gonfie in gravidanza è importante usare scarpe comode, abbandonando i tacchi per qualche mese (nessun sacrificio, per la sottoscritta…) ma evitando anche calzature troppo basse come ballerine e scarpe da tennis. Aiuta molto anche stendersi più volte per qualche minuto nel corso della giornata, possibilmente tenendo i piedi più in alto rispetto al torace (ad esempio appoggiando le caviglie su una pila di cuscini o sul bracciolo di un divano). Per il riposo notturno, in particolare, può essere utile sollevare il materasso dalla parte dei piedi, inserendo una piccola “zeppa” o comunque uno spessore di circa 10/15 centimetri sulla rete o sotto i piedi del letto. È raccomandabile inoltre, in assenza di controindicazioni, una attività fisica moderata, come passeggiate, nuotate o sessioni leggere di ginnastica in acqua. Anche dei getti di acqua fresca possono contribuire a ridurre il fenomeno, ed è inoltre importante bere molto e garantirsi una adeguata disponibilità di sali minerali, attraverso la dieta o appositi integratori (attenzione invece al sale da cucina, che favorisce la ritenzione idrica e quindi va limitato il più possibile).

Venendo ai veri e propri rimedi naturali per le gambe gonfie in gravidanza, può arrecare sollievo l’uso di gel e pomate a base di componenti vegetali, con formulazioni specifiche per ridurre il gonfiore e dare una immediata sensazione di leggerezza alle gambe e ai piedi. Gli estratti di Rusco, Ippocastano e Vite rossa sono i più indicati per combattere questi sintomi, perché agiscono proprio riducendo l’edema e migliorando la circolazione. Anche l’Edera o il Mirtillo (utilizzato da sempre anche per la prevenzione delle vene varicose) sono indicati per questo scopo, in quanto favoriscono il microcircolo. Sostanze rinfrescanti come il mentolo e la canfora, invece, garantiscono una immediata sensazione di leggerezza e sollievo (ma attenzione a non abusare di oli essenziali durante la gravidanza, anzi: sarebbe meglio evitare completamente l’uso di quelli puri).

Le creme (o i gel) vanno sempre applicati con un leggero massaggio circolare dal basso verso l’alto, partendo quindi dal piede o dalla caviglia. Si consiglia di utilizzare i mariti/compagni/futuri papà per lo scopo 😉

Da qualche giorno sto utilizzando un biogel contenente Rusco, Ippocastano, Centella, Vite rossa e Menta piperita. Il prodotto, privo di petrolati, paraffine, petrolio, parabeni, PEG e profumi di sintesi, dà effettivamente una sensazione immediata ma persistente di fresco e leggerezza, riducendo stanchezza e gonfiore.

E voi? Conoscete altri rimedi naturali per le gambe gonfie in gravidanza?

4 comments

  1. Io ho fatto tante sedute di linfodrenaggio e, devo dire, che appena fatto si vedeva notevolmente la differenza. Lo svantaggio è che lo dovresti fare quasi tutti i giorni e per le comuni mortali è praticamente impossibile (sia per questione di tempo che di costi!)

  2. A parte i gel esistono delle tisane drenanti di vostra conoscenza??
    In erboristeria (evidentemente c’era solo una commessa) appena ho detto che ero incinta… non ha voluto assumersi la responsabilità di consigliarmi nulla. 🙁

    1. In effetti non credo si possa assumere qualsiasi cosa, soprattutto nel primo trimestre. Io proverei a chiedere al ginecologo!

Lascia un commento!