Il cane nella macchina blu

12 luglio 2016

20 cose per cui mi sento vecchia (a 35 anni)

12 luglio 2016

Chi ha paura della natura? #mammeconvape

12 luglio 2016
il cane nella macchina blu
20 cose 35 anni
repellente zanzare vegetale

Non so quando sia cominciato, né se sia un fenomeno universale o al contrario riguardi solo la zona in cui vivo. Per dirla tutta potrebbe essere solo una mia impressione sbagliata, ma a me pare che sempre più genitori vivano con una crescente paura della natura. Le mamme e i papà (ma più le mamme, se devo essere sincera) sembrano spesso preoccupati dalle possibili conseguenze nefaste del contatto stretto dei propri figli piccoli con gli elementi naturali. Il timore è quello di sporcarsi, macchiarsi indelebilmente, graffiarsi, farsi male in qualche modo misterioso che non riesco bene a comprendere. Di bagnarsi “troppo”, di sudare. Di essere pizzicati da insetti letali o urticati da piante assassine. Morsi da fantomatici cani feroci o aggrediti da pericolosi gatti randagi. Di assaggiare, anche nel giardino sotto casa, essenze velenose e mortali.

repellente zanzare naturale

Il risultato? Bambini frustrati, forzatamente preoccupati di non sciupare i propri vestiti o di non sporcarsi le mani o le scarpe. Bambini fobici, terrorizzati dai germi e abituati a disinfettarsi di continuo. Bambini ignoranti, convinti che tutti i ragni e serpenti siano velenosi e che i pipistrelli siano predatori spietati che attaccano al crepuscolo. Incapaci di riconoscere un’ortica, di distinguere una vespa da un’ape e un moscerino da una zanzara. Bambini iperattivi, disagiati e quasi depressi, stando alla teoria del “disordine da deficit di natura” e alle possibili conseguenze, appunto, che l’allontanamento dall’ambiente naturale può causare sulla psiche dei bambini.

E invece. Camminare scalzi su un prato, arrampicarsi su un albero, raccogliere fiori di campo e tuffarci d’impeto le narici. Scavare nel terriccio, edificare col fango maschi e torrette degne del Grande Inverno dei tempi migliori. Studiare un formicaio e farsi strisciare una lumaca sul palmo della mano. Inseguire un geco con lo sguardo, sgranando gli occhi per le sue abilità da supereroe. Accatastare legnetti, piantare semi, raccogliere erbe aromatiche e more selvatiche. Saltare nelle pozzanghere, e non solo per emulare una famosa maialina televisiva, tenere i piedi a mollo in uno stagno, schizzarsi, pescare col retino e lanciare sassi in un fiume dovrebbero essere inclusi tra i diritti inalienabili di ogni bambino.

zanzare vape repellente

Ma come fare per vincere la paura della natura e godersi la vita all’aria aperta in sicurezza?

– proteggere sempre dal sole la pelle e gli occhi dei bambini
– accompagnare SEMPRE i propri figli piccoli nelle attività all’aria aperta
– insegnare loro a non infastidire insetti e altri piccoli animali, e ad essere cauti con cani, gatti e altri mammiferi
– assicurarsi che non raccolgano bacche, funghi fiori senza la supervisione di un adulto, e rivolgersi immediatamente a un medico se ingeriscono qualcosa di cui si ignorano i possibili effetti
– non allontanarsi mai dai bambini in prossimità di un corso o di uno specchio d’acqua (neanche di pochissimi metri e neanche se l’acqua è poco profonda o apparentemente calma)
– evitare che bevano acqua di cui non si conosce la potabilità (ma per quanto mi riguarda, fare un sorso da un gelido torrente di montagna è un’esperienza irrinunciabile!)
– rivolgersi subito a un medico in caso di punture di vespe, api, ragni, scorpioni, morsi di serpenti o di altri rettili
– utilizzare un buon repellente per insetti e tenere a portata di mano un gel lenitivo in caso di puntura.

A proposito dell’ultimo punto, da un paio di settimane sto testando la nuova linea di prodotti (repellente spray, gel lenitivo e repellente in salviette, ma è disponibile anche la versione in stick) Vape Derm 100% di origine vegetale. L’uso dei prodotti è possibile a partire dai 3 anni, richiede la supervisione di un adulto (mai lasciare che un bambino applichi da solo il prodotto) e andrebbe evitato sul viso e sulle mani dei bimbi più piccoli. L’INCI, l’elenco degli ingredienti, è molto naturale, con una valutazione di ben 5 “foglioline” su 5 secondo l’app Biotiful che valuta appunto la qualità delle formulazioni di cosmetici e affini. Per quanto riguarda l’esperienza d’uso, l’odore è molto delicato, all’eucalipto (che è presente tra gli ingredienti), la texture leggera e facilmente spalmabile, lo stick lenitivo mi è sembrato personalmente davvero efficace, e credo che abbia funzionato anche sulla pelle di Davide, che di solito si gratta furiosamente fino a farsi sanguinare i ponfi (sia lui che la sorella sono molto sensibili alle punture di zanzara, che sulla loro pelle si infettano spesso). I prodotti Vape Derm 100% origine vegetale sono i primi repellenti con certificazione Certiquality (organismo accreditato per la certificazione di prodotto), a garanzia dell’origine vegetale dei componenti della formula e dell’intero processo produttivo.

repellente zanzare salviette

repellente zanzare vegetale

Post sponsorizzato

1 comment

  1. Un bambino che, a sera, non è da lavare con la spazzola … non è un bambino che, durante il giorno, si è divertito, ha sperimentato, è cresciuto. La cosa migliore è avere a disposizione un parco, un giardino condominiale, così puoi evitare anche, quasi tutte, le precauzioni che indichi tu, dove i bambini siano liberi e abbastanza al sicuro. Inoltre sarebbe bello insegnare, nuovamente, ai bambini grandi ad occuparsi di quelli più piccoli. Sembrano cose banali, eppure intere generazioni sono cresciute così. Buona giornata.

Lascia un commento!