Quello che mi manca della vita senza figli

17 febbraio 2017

Voglio essere una madre che lavora

17 febbraio 2017

Andalusia con bambini: Cadice, Jerez, Ronda e Gibilterra

17 febbraio 2017
vita senza figli
madre che lavora
andalusia con bambini - cadice

Sono stata per la prima volta in Andalusia nel 2013, mentre ero incinta del mio primo figlio. Un viaggio itinerante di un paio di settimane, che mi aveva letteralmente stregato. I colori caldi, le architetture arabeggianti, la natura così variegata. La luce. La gente ospitale, le tradizioni antiche. Le baie infestate di fantasmi di bucanieri. Il deserto di pietre e terra rossa. I minareti trasformati in campanili, col sangue arabo sparso insieme a quello iberico. Le fontane, i giardini pieni di aranci e i patio ombreggiati e freschi. Così, quando ci siamo trovati alla ricerca di una destinazione abbordabile per una breve vacanza a cavallo della scorsa Epifania, non abbiamo avuto esitazioni. Si torna a el-Andalus, questa volta con i figli, per scoprire la parte sud-occidentale della Regione, che qualche anno fa avevamo dovuto tralasciare per mancanza di tempo.

andalusia con i bambini mappa

Andalusia con bambini: Cadice

Cadice mi ha rapito il cuore. L’aria vissuta, i palazzi dai colori pastello, la luce bagnata di Mediterraneo e profumata di nord Africa. Un sogno che resterà nella mia mente per tutta la vita. Ai bambini piaceranno tantissimo i numerosi parchi gioco sparsi per la città (sempre sicuri, recintati e puliti), i banchi colorati del mercato coperto, la spiaggia d’oro a pochi minuti dal centro storico, l’ascesa (facile) al campanile della cattedrale.

andalusia con i bambini, cadice

Il centro storico è in gran parte pedonale, e si gira senza particolari problemi. Anche l’arrivo nella città vecchia, lungo l’istmo che la collega al resto della conurbazione, sarà una piccola avventura, con il mare ai due lati che si può quasi sfiorare allungando le mani. Se alloggiate in centro storico, come abbiamo fatto noi, tenete conto che i parcheggi sono piuttosto costosi. Per il resto, i prezzi sono tutto sommato abbordabili.

spiaggia cadice

Andalusia con bambini: Jerez de la Frontera

A pochi chilometri da Cadice, Jerez custodisce un’anima che più andalusa non si può. Cavalli e sherry sono le sue principali attrattive, senza dimenticare un centro storico pregevole, una cattedrale molto interessante e una fortezza, l’Alcazar, che vi catapulterà al tempo della dominazione arava del XII secolo (all’interno c’è anche un bel giardino con una specie di labirinto).

jerez bambini andalusia

Dopo una rapida visita al centro cittadino, noi ci siamo diretti verso la fondazione Real Escuela Andaluza del Arte Ecuestre, per assistere a uno spettacolo musicale con cavalli e carrozze. Un’esperienza che piacerà a bambini di qualsiasi età, permettendo a tutta la famiglia un vero e proprio “bagno” nella tradizione andalusa. C’è anche la possibilità di visitare le scuderie con una guida, incontrando da vicino i bellissimi stalloni ospitati dalla Real Escuela di Jerez, che forma ogni anno cavallerizzi ed amazzoni di altissimo livello. Oltre allo spettacolo, che si tiene secondo un calendario consultabile sul sito, la struttura in sé merita senz’altro una visita, e ospita anche un museo e dei piacevoli giardini, in cui sorseggiare uno sherry tra le cicogne che nidificano sui tetti delle bodegas di sherry dismesse. E se come me siete amanti del vino liquoroso e dolce tipico di questa regione spagnola, vi consiglio di visitare una delle fabbriche (le bodegas, appunto) che organizzano tour e degustazioni. Noi abbiamo rinunciato per mancanza di tempo.

andalusia con bambini - cavalli jerez

cavalli jerez 2

Andalusia per bambini: Ronda

Ronda mi è sembrata uno dei rari posti fuori dall’Italia che custodisca una bellezza “quasi italiana”. Dalle mura massicce alla mezquita-cattedrale, dalla vista sul Tajo, la profonda gola su cui sorge lo scenografico Puente Nuevo, tutto è bellezza. Tutto è poesia. Tranne, a mio personale parere, la corrida, il cui immaginario si respira molto forte per le strade di Ronda (basti pensare che qui sorge la più antica plaza de toros di Spagna, celebrata dalla penna di Hemingway insieme al resto della città). Non è una cittadina particolarmente child-friendly, ma non mancano un ampio parco pubblico con una splendida vista sulla valle e con un grande parco giochi. Che i miei figli hanno ignorato del tutto, preferendo rincorrersi tra loro nel tiepido sole dell’inverno andaluso.

ronda con bambini

Andalusia con bambini: Gibilterra e Tarifa

Gibilterra non è forse una “bella città” in senso stretto, ma possiede il fascino indiscusso delle terre di frontiera. Esercita quella misteriosa attrazione dei posti di confine, divisi tra due storie, due culture, due identità. La ricchezza irresistibile della diversità. Noi abbiamo puntato a visitare soltanto la Rocca, che sento di indicare come un posto perfetto da visitare con i bambini. Il mio consiglio è di lasciare l’auto al parcheggio e salire in cima con la cabinovia (cable car), che rappresenta di per sé un grande divertimento per i piccoli. Arrivati in cima, tutti, indistintamente, sarete rapiti dalla visione mitica delle Colonne d’Ercole, dal profilo della costa marocchina che si staglia all’orizzonte, dal via vai di navi che attraversano lo stretto. E dalla sfacciataggine delle scimmie che, libere e indisturbate, popolano la Rocca di Gibilterra.

andalusia con bambini - scimmie

Non vi avvicinate troppo, non date loro cibo e comportatevi con rispetto e buon senso. Vi garantiranno ore di divertimento, altro che documentari in tv. Se vi va di gustare qualche piatto (senza pretese) della cucina britannica, assaggiate la cucina della tavola calda in cima alla Rocca. La zuppa è deliziosa, e il panorama è sensazionale. Lasciando Gibilterra con l’auto, fermatevi a guardare il suo profilo da lontano, e ditemi se non sembra anche a voi che somigli tantissimo al boa del Piccolo Principe!

andalusia con bambini gibilterra

Nel pianificare la vostra visita a Gibilterra con bambini, tenete conto delle possibili code in entrata e in uscita alla frontiera (dove dovrete mostrare i documenti di tutta la famiglia). Noi ce la siamo cavata con una ventina di minuti di attesa solo al ritorno, ma penso che in estate la situazione possa essere molto più caotica.

L’ultima tappa del nostro viaggio in Andalusia con i bambini è stata una visita lampo a Tarifa, sufficiente per innamorarsi perdutamente del suo lungomare con vista sull’Africa. Il regno del vento, che spazza un mare di un blu surreale e che sospinge le vele dei numerosi kiter che vengono a sfidare le correnti aeree e marine in tutte le stagioni. Anche il centro storico di Tarifa, con i vicoli, le mura possenti e le chiese di pietra, merita senz’altro una visita.

andalusia con bambini tarifa

Andalusia con i bambini: Estepona

A Estepona abbiamo alloggiato, dopo i primi due giorni a Cadice, perché era una località strategica per l’itinerario che avevamo in mente, e non troppo lontana dall’aeroporto di Malaga, dal quale saremmo ripartiti. Una scelta azzeccata, e che mi sento di consigliare non soltanto per gli aspetti logistici, ma anche per i prezzi molto accessibili e le opportunità per chi viaggia in Andalusia con bambini: una enorme spiaggia di sabbia, aree versi e un gigantesco playground sul lungomare, con giochi adatti a bambini di tutte le età.

andalusia con bambini playground

andalusia con bambini - cicogna

L’Andalusia è una meta perfetta per un viaggio con bambini (e anche senza, ovviamente!). Meravigliosa e colorata in qualsiasi stagione dell’anno, saprà sedurvi senza mai più abbandonarvi. Parola mia!

visitare ronda con bambini

1 comment

Lascia un commento!